Sono mamma di tre bambini, ma l’ultima gravidanza e un’emorragia importante post parto hanno spento una parte consistente del mio corpo, costringendomi a convivere con flussi mestruali quotidiani. Insieme al ginecologo ho provato a migliorare la sopravvivenza, prima con pillole dai diversi dosaggi ormonali, poi con una spirale curativa; sicuramente non avevo più i flussi emorragici iniziali, ma i restanti continuavano comunque ad essere debilitanti, invalidanti, associati a forti emicranie, insonnia, gonfiore, nervosismo, un intestino fermo e… dermatite, di cui mai avevo sofferto. Ho spremuto anche le grandi capacità di un’esperta osteopata per trovare una via d’uscita, fino a quando il consiglio provvidenziale di un’amica mi ha permesso di conoscere la dottoressa Flocco.

Per quanto sono certa di averle dato del filo da torcere, con una situazione di partenza tutt’altro che rosea, per lei il problema è stato fin da subito risolvibile, in modo semplice: servivano solo pazienza e fiducia!

Non nascondo la mia iniziale incredulità: cinque anni che vago in cerca di una soluzione, e per la dottoressa Flocco in due mesi potevo recuperare il controllo, ma soprattutto il mio benessere. Ho comunque deciso di fidarmi perché quando si è oppressi dall’idea del fallimento totale di sé altro non si può fare, e in ogni caso l’inelasticità di un utero “stanco” non è di certo recuperabile col tempo! La dottoressa mi ha proposto una strada ancora percorribile, mai valutata da nessuno: lavorare sulla coagulazione del sangue utilizzando il cibo come farmaco.

Ogni quattro giorni ho dovuto rendicontare ogni singola e minima reazione del mio corpo, perché tutto è un segnale, tutto ha una sua importanza, tutto deve essere valutato e considerato.

Ogni quattro giorni la dottoressa ha preparato pazientemente e minuziosamente una guida alimentare diversa da seguire, perché il nostro vero carburante è l’alimentazione, ma quella vera, quella studiata sulla singola persona; non è la moda alimentare e generalizzata.

Ammetto che conoscere e scoprire quanto sia intelligente il proprio corpo e vedere, passo dopo passo, miglioramenti e progressi è stato emozionante e di grande carica. E… sì, devo ammettere anche che in due mesi e grazie alla serietà, competenza, schiettezza, caparbietà, capacità, tirate affettuose d’orecchie per i piccoli sgarri, ma anche tanti sorrisi, incoraggiamenti e fiducia nella reazione del mio corpo, con il “Metodo Flocco” sono tornata a sorridere anch’io dimenticando emicranie, insonnia, gonfiore, nervosismo, un intestino fermo e dermatite.

Mi sono riappropriata di mestruazioni regolari, distanziate e inoffensive! Dobbiamo voler bene a noi stessi, non fermarci davanti a ciò che sembra insuperabile, per essere capaci di trovare la strada alternativa: a me ha permesso di arrivare al traguardo e vincere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + sette =